Questa risposta potrebbe non piacere, però secondo me è da rifletterci su.

Da una decina di anni, forse anche 15, ormai, c’è la moda per gli animali che trovo eccessiva. Provo a spiegarmi: prima chi amava gli animali e poteva averli in casa, possedeva un animale e gli voleva bene come un animale. Quando si andava a fare la spesa, o in posta, o a fare compere o in ristorante (!!!!!!!!) non ci si portava il proprio cane appresso. Al cane non interessa stare in pizzeria o dentro le poste o in un negozio di abbigliamento. Ma questo fenomeno si è esacerbato al punto tale che tanti, adesso, trattano gli animali meglio delle persone e spesso meglio dei propri figli. Quello che ho notato è che c’è sempre un problema relazionale di fondo in queste persone, un profondo senso di solitudine che si cerca di nascondere con il possesso di un animale. Adesso le persone sembra che debbano vivere in base agli animali, anche degli sconosciuti.

Un esempio per spiegare quest’ultima frase: ho portato la spesa a mia zia, avevo altre commissioni da fare e, tra fretta e situazione covid, siamo rimaste in strada a distanza. A un certo punto mi sento qualcosa addosso ed era un cane grande (al guinzaglio!!!) che mi aveva messo le zampe e il muso addosso, sporcandomi. Tra l’altro per togliermelo di dosso, il padrone (senza mascherina) si è dovuto avvicinare a me. Ovviamente non è colpa del cane (ho notato che io piaccio particolarmente ai cani) ma il padrone si è stupito che mi abbia dato fastidio. Adesso il punto è: va bene stai portando in giro il tuo cane e gli vuoi bene, ma non è che chiunque lo voglia toccare o averlo addosso. Io, come chiunque altro, ho diritto a rimanere pulita e per i fatti miei.

Il mio esempio è anche poco grave, ma dentro i negozi ho visto persone allergiche al pelo di animale, costrette ad uscire, solo perché un altro cliente era entrato con il suo cane e la risposta è stata la classica ed intramontabile: “è più pulito il cane rispetto a tanta gente!”. 😒😒😒

Non ci si rende conto che si stanno violando sia i diritti degli animali che delle altre persone.

Fortunatamente non tutti sono così, ma è un trend che va per la maggiore.